Le gente si brucia al sole

Ho solo bisogno di scrivere un po’, per me stesso, per non sclerare.

Non che abbia molto da dire, eh, solo che da qualche giorno ho in testa una vocina malefica che mi ripete: “scrivi, dai scrivi. Eh su, scrivi, che ti costa? Scrivi. Tratta di questo, tratta di quello, scrivi scrivi scrivi.”

Siccome avrei anche altre cose a cui pensare, e scrivere non è più un lavoro (non che lo sia mai stato, sebbene me ne fossi illuso), ho deciso di darle retta, a ‘sta vocina malefica.

E allora eccomi qua, riappaio sognante come un pavoneggiante Icaro nel tentativo di raggiungere quella grossa palla infuocata e luminescente chiamata sole.

Icaro ha fatto una brutta fine, però…

Comunque, stavo pensando che mi piacerebbe prendere una vecchia polaroid, di quelle che le foto le sputano fuori, le istantanee (shake it, shake it-shake it like a polaroid pictuureee!), ed andare a fare una passeggiata per le strade di Milano, a fotografare questo e quello, lo strano individuo allampanato che parla con una zolletta di zucchero, il cartone di pizza buttato per strada da qualche ragazzotto incivile o pigro…o entrambi, l’insegna a cui manca una lettera così fondamentale da rendere il risultato finale incomprensibile o, peggio, imbarazzante.

Sarebbe divertente, anche, pettinarsi, mettersi una bella camicia, una giacca firmata e fingersi di qualche tv locale, chiedendo alla gente per strada che bada ai fatti suoi cosa pensa di un determinato argomento, armati di videocamera e microfono.

A volte si ha bisogno di interazione con le persone, ma attenzione, non con la gente, quella massa informe di cervelli, muscoli e ossa ma cuori no

La gente non ha cuore.

Una persona ha cuore, la gente è cattiva, giudica, si indigna, si ripulisce le spalle dalla forfora e le ginocchia dalla polvere, si riempie la bocca delle schifezze che fanno i politici ma continua a votarli, perchè infondo quelle schifezze le fa anche lei, l’unica differenza è che si sa nascondere meglio, la gente, coprendosi con i titolioni dei giornali scandalistici, lavandosi i denti con l’omofobia, pettinandosi i sogni con la santità ecclesiastica.

La gente è ignorante, bigotta. La gente ha paura del diverso, la gente ha paura dell’uguale, del più e del meno. La gente canta Bella Ciao col braccio destro alzato in un saluto fascista, la gente stampa la foto di Mussolini per sovrapporla alla propria gridando “HASTA LA VICTORIA, SIEMPRE!”.

La gente prega un dio assente, bestemmia un dio barbaro e incessantemente incazzato col mondo.

La gente torna a casa, la sera, guarda Striscia la Notizia e si addormenta sul divano, russando come il gorgogliare di lava dell’inferno, freddi come la regina dei ghiacchi.

Si sopravvive usando parole a caso, delegittimando il significato dei luoghi comuni per crearne di nuovi, più freschi, chiamandoli spot.

Ahhh…questo si che sembra liberatorio.

Peccato che della gente faccia parte anche io, ed anche tu, che leggi, scommetto che ti stai indignando del tuo stesso compiacimento nell’essere insieme d’accordo ed in disaccordo con me.

Anche io volo troppo vicino al sole, e non sono speciale, mi salva la rete di sicurezza chiamata internet da uno schianto da tuffatore provetto in una piscina vuota.

10…10…10…9…10.

I punteggi di sutura.

Annunci

Informazioni su ritaglidipensiero

Aspirante è la parola che mi si addice di più. Aspirante musicista, aspirante scrittore, aspirante interprete...fondamentalmente aspiro.
Questa voce è stata pubblicata in sfoghi e affini e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Le gente si brucia al sole

  1. sonoqui ha detto:

    Hai detto molto bene: La gente siamo Noi.
    Noi che sopravviviamo in questo mondo corrotto e triste, e non abbiamo più neanche la
    voglia e la forza di fare o farci una carezza.
    Ti auguro un sereno giorno
    Gina

  2. Roberta Strangio ha detto:

    Hai ragione, la Gente siamo Noi … Ma in quell’ impercettibile attimo in cui ce ne accorgiamo siamo tornati ad essere le perone di cui parli!
    Basterebbe essere in grado di fermarsi un po’ di più …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...